Blog

Come pianificare in modo strategico i contenuti generati dai tuoi ospiti

Come pianificare in modo strategico i contenuti generati dai tuoi ospiti

Come pianificare in modo strategico i contenuti generati dai tuoi ospiti

L’altro giorno pensavo: esisterà una magia per far lavorare qualcun altro al posto mio senza che se ne accorga?

La risposta è: Sì! Esiste…

Ma dipende da che lavoro faccio… ecco il Gestore delle strutture extra-alberghiere ha questa grande, immensa fortuna! Può sfruttare alcune attività dei suoi ospiti per alleggerire il proprio lavoro.

Ho scritto questo articolo per spiegare come fare e con quali scopi. La vastità dell’argomento mi obbliga a dividerlo in 2 “puntate” ma… vedrete che ne vale la pena!

Caro Gestore io lo so che fatichi come un mulo tutto il giorno. Sì in apparenza tutto sembra semplice, quasi scontato, qualcuno vi dirà: “Eh ma che ci vuole ad andare a fare la spesa? Tutti la facciamo almeno una volta alla settimana (e tu invece tutti i giorni) Eh ma che ci vuole a controllare se le stanze sono state pulite e sistemate bene? Mica lo fai tu (qualche volta sì ma lasciamo perdere!) lo fa la donna delle pulizie! Eh ma che ci vuole a registrare i clienti? (un sacco di tempo…)

Insomma tutti sono bravi a criticare, che ci vuole? Però a fare 100 cose al giorno, anche quando sono cose semplici, qualcosa ci vuole… UN SACCO DI TEMPO E DI FATICA! Ecco che ci vuole!

Ma tempo per “noi” ce ne rimane? No! E tempo per migliorare la nostra struttura ne rimane? Poco, pochissimo, quasi niente… Eppure lo dobbiamo trovare questo tempo. “Ma come? - starai pensando - già è tanto che sto qui a leggere queste righe, che non lo so nemmeno io perchè lo faccio, con tutto quello che ho ancora da fare e questo mi dice che devo trovare altro tempo… e per cosa poi?

Caro collega la risposta è: Trova più tempo per migliorare la tua Azienda in modo che avrai più tempo per te!

Lo so, tu ora pensi: “Questo è un altro matto che pensa di avere il mondo ai suoi piedi…” oppure “Sì vabbè, tutta teoria e niente pratica!

E invece NO! In questo articolo troverai non solo gli spunti per cambiare qualcosa nella tua giornata lavorativa e farla diventare più produttiva ma anche i modi, cioè una guida che passo dopo passo ti dice quello che devi fare. Non lasciare nulla al caso o all’approssimazione, seguimi ed avrai tutte le risposte, tutti i consigli giusti per FARE le cose.

Dedica più tempo per migliorare la tua Azienda per avere più tempo per te!

Allora, vediamo un po’ come spiegare bene questo concetto:

E’ meglio avere una struttura sempre piena di clienti felici di frequentarla, oppure avere pochi clienti e mal disposti? Beh che domande, è ovvio, non perdiamo tempo a rispondere ma riflettiamo sul fatto che SE stai ancora leggendo vuol dire che la tua struttura NON è sempre piena tutto l’anno e hai (grandi?) problemi legati alla gestione del tuo tempo.

Ora, partiamo dall’obiettivo comune di tutta la categoria dell’Ospitalità, ovvero essere sempre pieno, con tutti i clienti contenti e magari avere anche il tempo e la voglia di andare a spendere una parte di quello che abbiamo guadagnato… giusto?

Per riuscirci dobbiamo partire dalle fondamenta, dobbiamo (attento non ho detto “possiamo” ho detto “dobbiamo”!) presentare la tua struttura non per quello che è o per come la vedi tu ma per come la percepiscono i tuoi Clienti.

Ho spiegato bene il primo passaggio?

Aspetta ti faccio un esempio: non è importante raccontare che hai un giardino di 500 mq con rose antiche ma è importante, anzi fondamentale, che tu racconti quanto sia rilassante trascorrere un ora nel tuo giardino prima di cena. E’ importante far percepire le sensazioni, le emozioni.

Se le avrai raccontate bene anche i tuoi clienti andranno in giardino e si faranno le foto e poi ne parleranno con i loro amici e scriveranno delle recensioni. Questo farà diventare la tua struttura più famosa e più attraente per i nuovi clienti che vorranno venire a trascorrere anche loro qualche ora indimenticabile da te.

Certo, scrivere non è semplice per tutti.

Lo fai qualche volta? Mai? Ti è mai capitato di scrivere una didascalia per una pubblicità?
E’ filato tutto liscio
o hai provato un senso di svuotamento?

Non sai cosa scrivere? Non ti vengono le idee o hai qualche idea ma fai fatica a metterla sul foglio?

Cerchi di non essere banale, è ovvio, vuoi scrivere qualcosa che ti faccia uscire dal coro, qualcosa che piaccia ai tuoi clienti e specialmente che colpisca quelli che potrebbero diventarlo…
Cosa scrivere di nuovo? Come iniziare? Quali foto mettere? Quale tipo di cliente attrarre?

Sembra tutto facile ma quando vuoi fare qualcosa di speciale tutto diventa tremendamente difficile, vero?

Lo so… è capitato anche a me. Io ho fatto un errore: mi sono ispirato ad un concorrente pensando che se funzionava per lui sarebbe andato bene anche per me, e invece no, tempo sprecato e soldi buttati in una pubblicità inutile… e lui che rideva! Che rabbia! Copiare non funziona, mai.

Non è facile scrivere, niente affatto!

Ma a che serve scrivere?

Scrivere significa comunicare e quindi fa la differenza tra essere uno dei tanti o diventare un punto di riferimento.

Magari tu adesso pensi che la tua struttura non è “all’altezza” di diventare un punto di riferimento per i turisti che vengono dalle tue parti, o magari al contrario, pensi di esserlo già.

Beh questo è il tuo percepito forse non è nemmeno quello dei tuoi ospiti, ma, credimi, sicuramente non è quello dei Potenziali Clienti che si stanno soltanto informando e non conoscono nessun’altra struttura in quella zona. Per loro il B&B Le Rose Rosse che è stato aperto 8 mesi fa o il B&B Il Vecchio Mulino che è nato 38 anni fa sono esattamente la stessa cosa!

Per un turista che abita a 780 km di distanza un nome vale l’altro e un posto vale l’altro. La differenza la farà unicamente quello che leggerà di questi due posti. Non tanto quello che leggerà sui siti internet ma quello che leggerà sui commenti di chi ci ha già soggiornato.

Se leggi molte delle guide in giro (tra cui anche qualcuna delle nostre), avrai sicuramente capito l’importanza di comunicare costantemente per aumentare le prenotazioni dirette e disintermediare.

Andrebbe fatto attraverso Facebook, e se sei molto avanti (come spero) anche attraverso il blog sul tuo sito. In tutti i casi:

Devi scrivere scrivere scrivere!
Ora starai pensando: “Non ho tempo per scrivere. Avevo 4 in italiano. Non so che scrivere… E così via, ogni volta che si parla di trovare tempo da investire nella tua attività, ecco che trovi mille scuse, eh?! Soprattutto quando si tratta di scrivere qualcosa...

Inoltre, dove leggi che ti dicono che va fatto 1 post al giorno o 1 post a settimana. Tutti i giorni, per anni. Perché solo la perseveranza ti porterà al successo sperato!

Ma come fai a metterti a scrivere tutti i giorni qualcosa di nuovo?

Di inedito?

Non è facile, mica siamo giornalisti!

E se ti dicessi che c’è un modo per farlo?

Un modo che puoi sovrapporre al tuo lavoro quotidiano e che ti permette di avere contenuti nuovi, gratis, tutti i giorni?

Nelle prossime righe scoprirai come avere nuovi contenuti ogni giorno, che ti permetteranno di essere sempre attivo senza dedicare 3 ore al giorno a romperti la testa per scrivere qualcosa di originale e di nuovo.

Ti garantisco che funziona, non c’è motivo per non provarci… e poi è gratis!

Può essere interessante, no?!

Quindi iniziamo dal principio.

Chi potrebbe lavorare per te gratis ogni giorno su queste attività?

Nessuno?

L’amico del cugino del parente sotto casa che ti ha fatto il sito e comunque vuole 10€ a post?

Lascia perdere… Non sarebbe gratis oppure se lo è poi devi comunque trovare il modo per sdebitarti.

In realtà qualcuno che può lavorare gratis per te c’è!

Sono i tuoi clienti ed i turisti della tua zona, anche quelli che non conosci.

Sì, esatto, hai letto bene!

Se ti organizzi bene nella tua struttura potrai sfruttare i tuoi clienti ed i clienti dei tuoi concorrenti (altri turisti) per avere contenuti belli in maniera costante e continuativa.

Ti dirò di più: i contenuti dei tuoi clienti sono molto più efficaci dei tuoi perchè sono autentici! E’ come quando consigli un negozio a qualcuno. Quella persona ci va perchè gliel’hai consigliato tu :)

Del resto, hai mai visto cosa fanno i tuoi clienti mentre li ospiti? Fotografano tutto, anche il tartufo affogato al caffè, come se non lo avessero mai mangiato in vita loro!

E quando non fotografano passano il tempo a guardare le foto loro e quelle dei loro amici su Facebook, Instagram, Pinterest, ecc.

Sfrutta la loro vena “artistica” e la loro voglia di commentare, di esibirsi, di mostrarsi esperti. Loro attrarranno i loro simili, cioè sciami di fotografi armati soltanto del loro telefonino che si sentono più autorevoli di un professionista!

COSA sono i contenuti generati dagli ospiti e PERCHE’ sono così importanti?

I contenuti generati dagli ospiti sono una sorta di quello che gli inglesi chiamano “Social Proof”  o riprova sociale cioè riescono a dare autenticità alla tua struttura, come se ti venisse consigliata "da un amico", in questo modo dai agli ospiti una visione autentica della tua struttura. Sono video, foto, recensioni e post di blog che vengono pubblicati dai clienti/turisti stessi.

L’importanza di questi contenuti deriva dal fatto che essi rappresentano esattamente ciò che percepiscono gli ospiti, perché si tratta del racconto della loro esperienza e così i nuovi turisti che stanno scegliendo la location del loro prossimo viaggio, sanno già cosa aspettarsi.

Le strutture ricettive diventano vincenti sui Social quando trasmettono autenticità anziché “industrialità”.

Esistono due tipi di contenuti generati dagli ospiti che sono ampiamente utilizzabili da chi si occupa di ospitalità:

  • Foto e video: i viaggiatori amano condividere contenuti visivi, in particolare su Facebook, Instagram, ma anche su Twitter.
  • Recensioni e commenti: le recensioni di TripAdvisor, di Google e Yelp possono essere utilizzate a tuo vantaggio. La maggior parte delle volte le persone lasciano commenti positivi e curiosità interessanti da condividere.

Le persone amano i contenuti da parte degli utenti: secondo Buffer, l'84% dei Millennials (cioè i nati dal 2000 in poi) ritiene che, quando appaiono sui siti web, influenzano le decisioni di acquisto.

I viaggiatori sono sempre stati abituati a vedere immagini perfette e professionali sui siti web delle strutture ricettive.

Ma oggi pretendono di più.

Le foto professionali sono spesso "troppo perfette" talvolta ritoccate e quindi non autentiche. Sarà capitato anche a voi di credere di aver prenotato una camera che sembra enorme e poi quando la vedi sembra di stare sulle cuccette del treno!

Ma quanto ci rimani male?

Ti fanno vedere degli scorci stupendi ma quando sei sul posto sono scomparsi… e dove stanno?

A 20 km di distanza… No ragazzi così non va!

Poi è normale che i clienti non tornano piu, ne parlano male e specialmente ne SCRIVONO male…

Ovviamente questi sono casi isolati e per fortuna le persone serie queste cose non le fanno, sicuramente tu non le fai, ma la gente che rimane scottata ne parla e ne scrive tantissimo e quindi non si fida più.

Tu magari hai speso un sacco di soldi per far fare le foto dal miglior fotografo della zona e poi il percepito dei clienti è freddino…

Magari prima di prenotare i turisti ti telefonano, ti fanno domande, i più sfacciati ti chiedono conferme, e tu magari ti sorprendi… e gli dici: “guardate le foto sul sito, le camere sono così” “Sì ma la vista sul mare è quella?” tu pensi: “questo è un deficiente!” e rispondi: “ Sì certo, stia tranquillo, Le posso garantire che tutte le nostre camere lato mare hanno la stessa vista, se non ci crede, quando arriva gliele apro tutte!” sicuramente la chiamata terminerà con una risata ma a rifletterci sopra potresti anche rimanerci male, no?!

Anche perché se ragioni che sono pochi quelli che ti chiamano e ti fanno spudoratamente delle domande di conferma, chissà quanti avranno dei dubbi e ti scarteranno senza chiamarti!

Se ti si insinua questo dubbio non campi più!

Ma per fortuna a questo c’è il rimedio...

Ti ricordi quella pubblicità di tanti anni fa? “Turista no Alpitour? Ahi Ahi Ahi!!”

Oggi il concetto di credibilità di Alpitour è stato sostituito dalle Esperienze dei nostri simili che ci hanno preceduto nel viaggio che stiamo organizzando.

Le foto fatte dagli ospiti di una struttura permettono di comprendere com’è veramente, quando le persone sono effettivamente nella stanza o nei locali comuni. Certe volte sono solo una gran sequenza di noiosi selfie ma altre volte indagano tutto anche i più piccoli dettagli.

In breve, i contenuti prodotti dagli ospiti ti aiutano a presentare un'immagine autentica del tuo Agriturismo, B&B o affittacamere, facendoti risparmiare tempo e energia nella creazione di contenuti!

Come creare contenuti generati dagli ospiti per Instagram

Cos’è Instagram?
Hai un profilo su Instagram?
Non ce l’hai perchè pensi che sia un doppione di Facebook?

Instagram è un Social network fotografico di proprietà di Facebook, che permette di scattare foto, mettergli dei filtri e pubblicarle in Rete, ma anche di creare storie raccontate con le foto stesse.

Qui c’è poco da scrivere ma molto da cui attingere per le foto che ci servono.

Per poter trovare i migliori contenuti creati dai turisti, dovrai avere ben chiaro ciò che stai cercando. Essendo il nostro settore incentrato sui viaggi, la vita sarà un po' più facile, rispetto ad altri settori.

Ti conviene scegliere un tema di Instagram che si focalizzi sulla tua destinazione, piuttosto che su un argomento iper-ricercato. Ti suggeriamo di scegliere un tema che ti dia flessibilità, cioè che ti permetta di interessare le persone per più argomenti.

Cosa vuol dire?

Ti faccio un esempio: se hai un B&B a Riccione con un bel parcheggio davanti o nelle vicinanze, invece che cercare genericamente “Riccione” dove troveresti un miliardo di foto di gente in costume da bagno, con le più belle ragazze riprese anche di nascosto nei loro “punti migliori” ed i ragazzi che sfoggiano bicipiti e pettorali, che a te tutto questo non serve affatto, cerca per esempio “Riccione in moto”, dove troveresti foto e spunti interessanti, nuovi, simpatici e probabilmente troveresti anche il modo di attrarre quella clientela specifica.

Condividi sia i contenuti dei tuoi ospiti utilizzando il tuo hashtag, sia quelli dei turisti che visitano la tua zona e pubblicano foto su Instagram; persino i contenuti che riguardano la cultura popolare del luogo o le manifestazioni che si organizzano sono utilissimi per dare un’identità alla tua proprietà.

Per esempio se scrivi “Fiera Riccione” ti usciranno decine di foto della RiminiWellness che ti potrebbero essere utili per promuovere un pacchetto in offerta proprio per il periodo della manifestazione, questo perché il network fornisce risposte anche per prossimità geografica, Rimini e Riccione, come sappiamo, sono due comuni diversi.

Ora veniamo ai termini tecnici specifici di Instagram: cos’è un hashtag?

Hashtag è una o più parole che identificano una ricerca e che sono precedute da un cancelletto. Per fare un esempio prova a cercare #bookinglight su Instagram e vedi cosa trovi…

Insomma a cosa ti serve Instagram?

facciamo un altro esempio: se hai un B&B sulle Dolomiti, puoi condividere le immagini di persone che mangiano davanti al caminetto, persone che sciano, altre che passeggiano su una slitta e dare qualche informazione sulle condizioni meteorologiche.

Tutte queste immagini si adattano al lettore e gli faranno desiderare di fare la stessa vacanza!

Non ti dimenticare che i turisti vogliono unicamente stare bene, vivere emozioni e momenti felici e se vedono che qualcuno che li ha preceduti ha vissuto una vacanza meravigliosa, vogliono imitarlo, quindi cercheranno di fare le stesse cose che ha documentato il turista precedente!

Successivamente dovrai decidere quali ulteriori contenuti pubblicare e dove cercarli; il modo più semplice è fare una ricerca tramite un hashtag riguardante la tua attività: per prima cosa dovrai infatti stabilire un hashtag per la tua struttura e pubblicizzarlo ai tuoi attuali ospiti. Scegli un hashtag semplice e facile da ricordare. Per esempio per BookingLight, abbiamo usato qualcosa di semplice:  #BookingLight .

Quindi, una volta che le persone iniziano a condividere le foto dei loro viaggi, possono utilizzare l'hashtag.

L'unico punto dolente è convincere le persone ad usare i tuoi hashtag.

Come puoi far utilizzare il tuo hashtag?

Puoi parlarne con i tuoi ospiti al momento del check-in, puoi dargli un biglietto da visita con la password della Wi-Fi, se ce l’hai, ed aggiungere l’hashtag, altrimenti puoi mettere la segnalazione dei vari canali social all’interno della struttura indicando sempre l’hashtag.

Certo puoi anche tappezzare la struttura con i tuoi hashtag ma la cosa che avrà più successo sicuramente sarà una piccola “coccola” come dare uno sconto per l’ingresso a qualche attrazione oppure offrire un prosecchino o un dolce o qualunque altra cosa che renderà il cliente più fedele, più felice e più stimolato a condividere con i suoi amici le piacevoli esperienze che sta vivendo.

Le persone magari ci metteranno un po’ di tempo ad iniziare ad utilizzare i tuoi hashtag, specialmente se hai ancora pochi followers (persone che seguono la tua pagina) ma non c'è motivo di preoccuparsi, intanto puoi cercare altri hashtag per trovare foto pertinenti. Nel caso delle Dolomiti, puoi provare a utilizzare #Dolomiti #Ski ed altre parole chiave correlate.

Una volta che cerchi una parola chiave, Instagram ti consiglierà gli hashtag correlati per migliorare la tua ricerca.

Come vedrai, ricercare nuove foto utilizzando gli hashtag, su Instagram, è abbastanza semplice.

Puoi passare alla pagina di scoperta utilizzando la lente di ingrandimento nella barra di navigazione in basso, poi digita l'hashtag che stai cercando nella casella di ricerca in alto.

A questo punto Instagram ti mostrerà i post principali per l’hashtag che hai scelto.

Qual’è il vantaggio? Trovi i post più efficaci perché sono quelli che sono piaciuti al maggior numero di persone e quindi sono i contenuti migliori da condividere o da usare per fare la tua campagna.

E comunque, scorrendo in basso, troverai tutte le foto a partire dalla più recente che hanno usato l’hashtag ricercato.

A questo punto puoi scegliere quali immagini vuoi pubblicare, magari ne trovi qualcuna molto suggestiva ma meno vista in Rete che darà un tocco di novità alla tua proposta.

Buffer menziona altri strumenti come Tagboard e Talkwalker per cercare le immagini attraverso gli hashtag, ma Instagram funziona già benissimo così (ed è gratis!).

E’ chiaro fino a qui? Non è difficile vero? Se seguirai tutti i miei consigli vedrai che il livello della tua comunicazione si eleverà “magicamente”!

Per oggi ci fermiamo qui, abbiamo parlato di tante cose, per molti di voi potrebbero essere totalmente nuove oppure già conosciute ma una cosa è sapere che esiste una certa cosa ed una cosa è usarla… c’è molta differenza e tramite questo articolo il mio scopo è quello di farti iniziare ad usare questi strumenti che possono cambiarti la vita.

Perché: Più strumenti efficaci = Più clienti = Più successo = Più guadagno!

Chi non ha bisogno di questo?!  ;-))

Come postare i contenuti generati dai turisti su Instagram

Il modo più corretto di pubblicare i contenuti generati da quei turisti che non sono stati tuoi ospiti è di chiedere il loro permesso.

Non è solo un problema legato allo sfruttamento delle immagini o alla privacy, immagina se due persone nel frattempo si siano lasciate o divorziate e magari hanno nuovi compagni/consorti pensi che sarebbero contenti di vedersi protagonisti della campagna di comunicazione di un Agriturismo o di un B&B?

Il modo per chiederlo è semplice: puoi farlo commentando la foto dell’utente o scrivendogli direttamente un messaggio attraverso Instagram.

In ogni caso scegli preferibilmente foto in cui non appaiono chiaramente i volti delle persone, anche se sono maggiorenni.

Una volta ottenuto il permesso, ti consiglio di usare una App tipo InstaGrab, Repost Story for Instagram o InstaRepost, per postare la foto del turista nella tua pagina.

Queste App, la maggior parte gratuite, ti permettono di condividere in modo rapido foto e video degli altri utenti, sul tuo account.

L’App applicherà un simbolo sulla foto ed un link che rimanda all’account originale del proprietario del post originario.

Sembra una banalità, ma questo è un elemento molto importante. Anche per i motivi di cui abbiamo detto sopra, tu non diventi il l’autore di una foto che in realtà non ti appartiene e di cui non conosci nulla del come e del perchè sia stata pubblicata. Tu sei semplicemente in possesso dell’autorizzazione a pubblicarla da parte dell’autore della foto. Poi se l’autore della foto ha commesso un reato nel fare la foto, nel pubblicarla o nell’autorizzare la sua diffusione a mezzo internet, è un suo problema che ti solleva completamente da ogni responsabilità.

Ovviamente questa autorizzazione ti deve arrivare tramite una mail, non a voce, come si dice… carta canta e villan dorme!

Dove utilizzare il contenuto dei turisti oltre ad Instagram

La maggior parte delle strutture avvia la strategia dei contenuti generati dall'utente solo su Instagram, invece, il materiale foto e video può essere condiviso anche su altre piattaforme come Facebook ed il sito web della struttura.

Sul sito web, si potrebbe aggiungere un area, tipo quella per le News, che visualizzi le novità pubblicate sui Social direttamente sul sito.

Questa è una funzionalità molto utile perchè se ospiti un evento o hai qualche novità o aggiornamento alla tua tua struttura la vedi immediatamente ed automaticamente pubblicata sul tuo sito senza dover far intervenire ogni volta la tua web agency.

Sai qual’è il vantaggio?

Hai il sito sempre vivo ed aggiornato, risparmi soldi per la web agency, risparmi tempo, migliori il galleggiamento del tuo Sito perchè Google ama gli aggiornamenti.

Costo dell’operazione:?

Ovviamente cambia molto in base a chi ti ha fatto il sito e su quale piattaforma te lo ha costruito, in linea di massima in un sito con wordpress o joomla potremmo ipotizzare un costo tra le 350€ e le 800€.

Utile vero?!

E non ti sveni: pagato una volta, per il sito, è fatto per sempre.

Sfruttare le recensioni dei tuoi ospiti

Come abbiamo detto in precedenza, le recensioni positive e le testimonianze degli ospiti sono una forma importantissima di Social proof, ovvero di emulazione del comportamento degli altri . Le recensioni sono un meccanismo molto di diffuso tra gli ospiti per dare feedback, e tu puoi sfruttarle a tuo vantaggio. Puoi saperne di più sull'analisi delle recensioni qui , è un argomento molto interessante!    

In estrema sintesi possiamo dire che è utile associare alla tua struttura i commenti dei tuoi ospiti, perché, come abbiamo visto nella Prima Parte di questo articolo, trasmettono “autenticità” che è quel tipo di informazione che cerca il turista per potersi “fidare” a prenotare in un posto che non conosce personalmente.

Dove si trovano le recensioni degli ospiti

TripAdvisor, Yelp, Schede Business di Google, Portali dedicati ed il tuo Sito Web sono le migliori fonti per le recensioni degli ospiti.

Cerca le recensioni positive come ad esempio "Lo staff è stato gentilissimo, non vedo l'ora di tornare!" oppure: “Esperienza fantastica, la stanza era meravigliosa e anche il servizio. Colazione ottima Personale gentile e disponibile e posizione ottima l'ho già consigliato a tutti quelli che conosco. Grazie….”

Credimi, ce ne sono talmente tante così che non devo nemmeno perdere il tempo ad inventarmele!! ;-)) Ma questo tu già lo sai, ne avrai ricevute anche tu di questo tipo. La cosa importante è usarle.

Purtroppo qualche volta ti può capitare di ricevere anche una recensione negativa. Lo sai che a volte, se è vera, ti può essere utile?

Una recensione negativa, gestita bene e velocemente, ti dà modo di spiegare alcune cose che alla fine metteranno in luce gli aspetti positivi della tua gestione, ma questa è una bella storia che ho approfondito in un altro articolo. Se hai voglia di leggerlo (io te lo consiglio!) clicca qui.

Dove promuovere le tue recensioni

Come ti ho accennato poco fa, ti consiglio di pubblicare le testimonianze direttamente sul sito web della tua struttura. Nella home page, puoi includere un box che mostri le tue migliori recensioni. Se la tua struttura ha un blog (se non ce l’hai ancora ti consiglio di crearlo), potresti scrivere degli articoli come "le cose che la gente apprezza della nostra struttura" o "i migliori servizi per cui i nostri ospiti impazziscono".

Considera anche la possibilità di creare una pagina di recensioni che evidenzi le migliori testimonianze degli ospiti. Questa pagina offre ai potenziali viaggiatori una rapida occhiata alle esperienze dei precedenti ospiti della struttura e può creare il desiderio di vedere pubblicato il proprio commento in un contesto di eccellenza.

A molti piace essere al centro dell’attenzione, mostrare agli altri la propria competenza (specialmente se non ce l’ha in senso professionale) a moltissimi piace atteggiarsi, con i programmi di cucina.

Ecco, il trucco è questo: bisogna sfruttare questa tendenza all’esibizionismo di una parte delle persone per coinvolgere la massa. Perché in realtà alla massa non piace rischiare, alla massa piace fare quello che fanno gli altri, per non avere sgradevoli sorprese. Anzi potrei citare dei casi in cui i turisti sono dei veri masochisti! C’è gente che non vuole le sorprese, nemmeno quelle positive!

Conosco una “ragazza” di 50 anni che va a Riccione da quando aveva 3 anni: sempre nelle stesse 2 settimane di agosto, stessa spiaggia, stesso albergo!

In tutti questi anni mai un cambiamento scelto da lei, il cambio di gestione dell’albergo è stato un fatto fisiologico a cui si è dovuta adattare per forza!

E’ possibile che in 7.456 km di coste che ha l’Italia questa ragazza non sia riuscita a trovare un albergo o una spiaggia con un servizio diverso, magari migliore?!

Non ti illudere. Non è sempre così. Per fortuna la maggioranza dei turisti cambia. Vuole conoscere nuovi posti e li vuole SCEGLIERE.

Il turista ha solo 2 opzioni per la tua struttura ricettiva:

  • Sceglierla e prenotare

oppure

  • Paragonarla ad un’altra struttura che verrà scelta al posto della tua

Lo so cosa pensi, è brutto essere valutati e poi scartati, però succede continuamente. E’ nostra responsabilità e compito dare le giuste motivazioni al futuro ospite per sceglierli piuttosto che scartarci!

Torniamo a noi, dicevamo di quanto è importante inserire nel Sito web una pagina che ospiti le recensioni dei tuoi clienti.

Lo so che stai pensando che è una fesseria però questo è il mercato di oggi.

Il tuo successo passa attraverso l’incoraggiare i viaggiatori, che non hanno ancora deciso dove prenotare, a scegliere la tua struttura perchè il tuo sito, il tuo blog o le tue pagine sui Social sono più ricche di commenti, recensioni, foto, video, testi, esperienze ed emozioni, rispetto a quelli dei tuoi concorrenti.

Questa è l’unica, intramontabile, grande verità del Turismo mondiale nel 2018 e forse anche dei prossimi 10 anni, anche se non si può prevedere quanti anni durerà ancora questa “moda”. Certamente ANNI, forse decenni, ma non certo mesi, quindi ti conviene adeguarti più velocemente possibile se non vuoi essere tagliato fuori.

Le didascalie dei social media

Puoi anche utilizzare le recensioni sui tuoi canali Social. Ad esempio, se qualcuno è rimasto incantato dalla vasca idromassaggio e dalle fantastiche vedute del mare al tramonto, puoi usare le parole dell’ospite come didascalia di una foto.

La cosa più carina che puoi fare è scrivere la frase che ti piace di più con le virgolette della citazione e magari in corsivo ed aggiungere solo il nome di chi l’ha scritta.

Per esempio da una recensione come questa:

 

possiamo usare una frase come didascalia per una delle foto dell’appartamento,

facendo in questo modo:

“Appartamento di 80 mq con un elegante soppalco, tutto arredato con gusto e pulitissimo” Marco di Milano.

In questo modo facciamo diventare protagonisti i nostri ospiti, pur proteggendone la privacy. In realtà il messaggio che mandiamo al lettore è un pochino più sottile.

Vediamo se indovini…

Ragiona: tu scriveresti mai che il tuo appartamento è pulitissimo? Che il tuo staff è cortesissimo e la tua struttura consigliatissima?!

Hai capito dove voglio arrivare? :)

Se lo dici tu non godi di alcuna credibilità, anzi perdi pure quella che hai perchè le persone, lo danno per scontato, detto da te.

Se invece lo dicono i tuoi ospiti allora non solo è vero ma è anche una cosa da andare a provare di corsa! Dà autorità e verità a quello che dici.

Come dicevano i protagonisti dei Trettre, il famoso trio comico napoletano degli anni '80, nel loro famoso tormentone:

“A me me pare na str….”

Però il mondo gira così, dovresti saperlo, nessuno è un profeta nella sua Patria.

È possibile utilizzare recensioni come didascalie su quasi tutti i siti, tra cui: Facebook, Instagram, Twitter e persino Pinterest.

Vedrai che questa malizia esalterà il senso di autenticità che devi raggiungere a tutti i costi!

Altri luoghi in cui trovare i contenuti degli ospiti

Instagram e le recensioni sono generalmente i luoghi più comuni dai quali attingere contenuti degli ospiti. Si possono però trovare buoni contenuti anche su Facebook, Twitter e Pinterest, ma non è facile allo stesso modo.

Su Facebook, puoi utilizzare la barra di ricerca per trovare le persone che hanno utilizzato l'hashtag. Tuttavia, rispetto ad Instagram e Twitter, molte meno persone usano gli hashtag su Facebook ed il motivo è che questi non sono integrati nella sua infrastruttura. Fin dall'inizio, Instagram e Twitter hanno incluso l'hashtag nella loro gestione facendolo diventare uno strumento indispensabile.

Facebook invece l'ha aggiunto in seguito e quindi l’hashtag su Facebook non è così diffuso così come negli altri due social, inoltre molte persone hanno impostazioni di privacy e di sicurezza su Facebook molto restrittive, che evitano alle persone che non sono loro amici di vedere i loro post, anche se possiedono gli hashtag. Questo limiterà la ricerca. Addirittura l’ultima modifica di quest’anno, ancora più restrittiva, limita a 25 il numero di amici i cui post vengono mostrati in bacheca, di default.

Puoi anche cercare gli hashtag su Twitter, ma poiché la piattaforma è fuori dalla cultura tradizionale, potresti avere risultati contrastanti.

Conclusioni

Coltivare la presenza della propria struttura nei Social è un’attività fondamentale non solo per crescere ed aumentare i fatturati ma anche per selezionare meglio la propria clientela, attirando cioè quella che è più coerente con la propria offerta, ciò significa lavorare meglio e con meno rischi e  minori fatiche.

Facciamo un esempio?

Immaginiamo che la tua struttura si trovi in montagna nei pressi di alcune mulattiere che permettono agli appassionati di mountain bike di fare delle gite molto suggestive. Se tu incentri la tua comunicazione su questo tema e ti procuri le foto ed i video di chi ha già fatto qualche escursione e poi ci aggiungi i commenti dei tuoi ospiti che trasmettono tutta l’emozione delle escursioni e poi magari aggiungi che hai una stanza con gli attrezzi per effettuare le riparazioni alle bici.

Tu, in questo modo selezionerai la tua clientela, perché attrarrai a te tutti quelli che hanno questa passione e che la vorranno condividere con i loro amici.

Se poi possiedi un buon gestionale (come BookingLight) potrai vendere i soggiorni direttamente sul tuo sito web, senza passare tramite le agenzie di viaggio online, con un chiaro vantaggio economico per te! Inoltre potresti vendere dei servizi aggiuntivi come per esempio una Guida che accompagna i turisti, il pranzo al sacco, i ricambi delle bici che si dovessero rompere, il noleggio di bici della struttura, ma anche aumentare il prezzo medio della camera qualora tu fossi spesso al completo.
Perché potresti “giocare” al rialzo in alcuni periodi di giustificata maggiore affluenza di Clienti.

Perciò curare una strategia di contenuti generati dagli ospiti ti permetterà di avere più tempo per te e per i tuoi cari anche se non automatizzerà completamente il processo.

Un altro vantaggio sarà quello di abituarti ad un maggior confronto con gli altri, ad ascoltare le loro opinioni e, se saprai elaborarle bene, anche prevedere le tendenze del mercato prima dei tuoi concorrenti. Ciò ti aiuterà anche a capire cosa interessa maggiormente ai tuoi ospiti.

Insomma questa attività non va presa sotto gamba perché ti può generare dei guadagni importanti in alcuni periodi e compensare più facilmente i tuoi costi fissi nei periodi di bassa stagione.

Se ti è piaciuto questo articolo o se hai dubbi e domande scrivici nello spazio qui sotto.

A presto!